Guarda cosa fanno gli altri e fai l’opposto

opposto

Nel 2008, quando ero all’università, e lavoravo nei locali della vita notturna romana trovavo fastidiosa la modalità di comunicazione che la maggior parte dei PR utilizzava per invitare le persone agli eventi.
Chiamarli 3 volte al giorno, mandare 1000 sms, bombardarli con qualsiasi forma di comunicazione.
Tuttavia era lo strumento che utilizzavano tutti e quindi era lecito chiedersi: perché cambiare tutto e rischiare?

Nonostante questo, ho scelto di andare controcorrente, e di seguire un’altra delle mie frasi guida (se mi leggi da un po’ già lo sai!): ‘GUARDA COSA FANNO GLI ALTRI E FAI L’OPPOSTO’.

Se volevo distinguermi, se volevo ottenere risultati sopra la media, dovevo comportarmi all’opposto rispetto agli altri.

Continuando a fare sempre le stesse cose, avrei continuato ad avere anche gli stessi risultati, e probabilmente a restare nell’ombra, nella media, nel gruppo di persone che si accontentano.
Questo è uno degli insegnamenti più preziosi che ho ricevuto dal coach numero 1 al mondo nel campo della psicologia del cambiamento, Tony Robbins (www.tonyrobbinsitaly.it), e che ho messo in pratica in diverse occasioni nella mia vita.

Mi sono quindi chiesto: ‘come posso fare per ottenere ottimi risultati senza stressare le persone, ossia evitando di fare ciò che facevano tutti gli altri miei ‘colleghi’ nel settore eventi e che a me per primo dava fastidio? ‘.

La risposta che ho dato ha preso forma nel Cheers Cafè.

Nel 2008 ho preso in gestione un localino che organizzava aperitivi in zona Luiss e sono riuscito a farlo diventare in pochi mesi il punto di ritrovo preferito dalla maggior parte degli studenti Luissini … e senza ricorrere al bombardamento telefonico o via sms.

Il perché?

Ho scelto di focalizzarmi sul rendere il locale attraente, divertente e rilassante, in modo che non c’era bisogno di stressare le persone: sarebbero venute nel mio locale … perché stavano bene nel mio locale. Punto.
Inoltre ho puntato tanto sul mio team di collaboratori, ho insegnato loro a prendersi cura di ogni richiesta del cliente in modo accurato e professionale… vi assicuro che anche questo aspetto ha fatto la differenza nel generare ‘traffico’ di affezionati 

Quindi, per concludere … seguire la massa non è sempre garanzia di risultati, anzi…!

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2018 Riccardo Acampora - Cookie policy e Privacy

Log in with your credentials

Forgot your details?